martedì 23 giugno 2020

Tra un'immagine e chi la guarda passa sempre un pensiero - Laboratorio -

Associazione Ippogrifo Imola. Vivere la scrittura è lieta di annunciare che parteciperà a questo importante laboratorio proposto da VOLABO, realtà importante sul territorio, con la quale in passato la nostra Associazione si è interfacciata, con risultati sempre positivi

"Viviamo in una società dove siamo decisamente sommersi dalle immagini e trascorriamo molto tempo della nostra giornata davanti a schermi: televisione, computer, cellulari, cinema; ma spesso non siamo più in grado di capirne il contesto, la reale qualità, il supporto, la tecnica di realizzazione, la fonte. Anche nelle rappresentazioni cartacee su quotidiani, riviste, libri, manifesti, spesso non siamo in grado di leggere tra le righe i reali contenuti e le finalità delle immagini proposte..." (continua QUI)
Il programma del Corso 





sabato 23 maggio 2020

JOYCE, PROUST E I TARTUFI (di Andrea Pagani)

Fonte articolo QUI

In libreria un simpatico libretto sull’incontro fra due giganti della letteratura, James Joyce e Marcel Proust, che si conobbero in un salotto a Parigi nel maggio 1922.
Di cosa parlarono?
Di letteratura o di altro?
Lo scoprirete in questo aneddoto che vi raccontiamo…



venerdì 3 aprile 2020

LA POESIA DI UN NIDO (dal sito di Andrea Pagani)

Andrea Pagani, nel suo sito, scrive un post sull'attualità.
Per gentile concessione dell'autore "Associazione Ippogrifo Imola. Vivere la scrittura" ha il piacere di pubblicarlo.

C’è una pagina del Decameron di Giovanni Boccaccio, probabilmente poco nota, o comunque ingiustamente oscurata dalle brillanti novelle (ma scolasticamente fin troppo frequentate) di Ser Ciappelletto, Andreuccio da Perugia, Chichibio e la gru, Calandrino e l’elitropia, Frate Cipolla, ecc, che ci apre squarci sorprendenti sulla contemporaneità, traiettorie di riflessioni, crocevia di conoscenza, come solo la grande letteratura riesce a fare, e cioè quella letteratura che ci insegna a leggere il mondo: ad entrare in rapporto con la complessità del reale.
E magari ci aiuta anche ad immaginare uno scenario futuro.
È una pagina della cosiddetta Cornice, in apertura della IX giornata, quando i dieci novellatori, guidati da Emilia, si avviano verso un vicino boschetto.
La curiosità del lettore, di solito, è magnetizzata dalla forza esilarante, inventiva, e talvolta provocatoria delle novelle, e rischia di trascurare la situazione della Cornice del Decameron, ossia i momenti in cui le «sette nobili fanciulle e i tre giovani uomini», dopo aver deciso nella chiesa di Santa Maria Novella a Firenze nell’imperversare della sconvolgente peste del 1348, su consiglio di Pampinea, di appartarsi in un casolare fuori città, un «palagio con bello e gran cortile nel mezzo» (un vero e proprio locus amoenus di perfetta vita serena), si concedono, fra una giornata e l’altra del «novellare», momenti di svago e intrattenimento, danze e balli, passeggiate e ascolto del «divino officio» della messa in una «chiesetta lor vicina».
Ebbene, in apertura della IX giornata, la felice «brigata» s’imbatte in una sorprendente situazione: in un vicino boschetto dove i giovani stanno passeggiando, poco dopo l’alba, ecco che si mettono a giocare con animaletti selvatici, che si avvicinano a loro senza paura e intrattengono una serie di scherzose schermaglie, poiché la pestilenza ha fatto scomparire i cacciatori e gli animali hanno recuperato il loro habitat naturale.
Questo singolare episodio descritto da Boccaccio (che mostra così di saper adattare con abilità i meccanismi del simbolismo medioevale alla sua moderna narrativa e alla nuova concezione del mondo che sta disegnando) diventa uno stimolante snodo di riflessione, su quella che un grande filosofo tedesco, studioso del Decameron, come Kurt Flasch, ha definito col termine di «poesia dopo la peste», ad indicare cioè la nuova mentalità, le nuove relazioni sociali, i nuovi modi di vita, la nuova visione del mondo che si matura dopo la drammatica esperienza dell’epidemia, dove, fra le altre cose, gli animali si spingono nei luoghi naturali che erano stati occupati dagli uomini.
 (Continua QUI)

giovedì 2 aprile 2020

Print Friendly and PDF